testata-pere-texture

Prodotti freschi online: come sta andando?

 , Lunedì, 03 Luglio 2017. postato in Pericoltura & Co.

Prodotti freschi online: come sta andando?
L’eCommerce italiano dei prodotti alimentari cresce, ma non sfonda. Nel 2017, nonostante una crescita del 37% rispetto all’anno scorso, il Food&Grocery online rappresenta solo il 4%, per un valore di 812 milioni di euro, del mercato online rivolto al consumer italiano. Si tratta di un dato inferiore a quello registrato nei mercati internazionali più evoluti (8% in UK, 6% in Francia e 2% in Germania e USA). È questa la fotografia scattata dall'Osservatorio eCommerce B2c, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano.

In base ai dati diffusi dall’Osservatorio – presentati a Milano nel corso del convegno “Food&Grocery in Italia: l’eCommerce è servito? - tra i prodotti più acquistati nel settore alimentare, che vale l’87% dell’intero commercio online, troviamo i prodotti “secchi” - confezionati, incluso il caffè – con il 54%; mentre i prodotti “freschi”  cibo pronto e verdura/frutta), sono al 31%. Più distanziate, con il 9%, le bevande alcoliche (birra, vino, distillati e liquori), con il 5%;  le bevande analcoliche (acqua, bibite e succhi) e con l’1% i prodotti surgelati.

«Nel mondo ci sono oggi circa 1,5 miliardi di online shopper, di cui 20 milioni sono italiani e di questi, circa il 24% ha acquistato almeno un prodotto alimentare negli ultimi 6 mesi», afferma Roberto Liscia, presidente di Netcomm. «Nonostante l’interessante crescita del comparto indicata dell’Osservatorio, questa percentuale non è ancora sufficiente a trainare l’industria digitale del Food&Grocery e a permettere all’Italia di competere a livello internazionale. Vi è ancora molta polverizzazione a livello dei player e ciò non consente al nostro Paese di fare sistema in modo efficace».

I problemi che frenano un maggiore sviluppo del settore riguardano anche la tipologia del comparto, caratterizzato da un’offerta molto ampia, difficoltà nella logistica e laboriosità del processo di acquisto (elevato numero di pezzi per ordine, domanda ricorsiva). Secondo Valentina Pontiggia, direttore dell'Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano: «Occorre innovare e semplificare l’esperienza del cliente, migliorare le presentazioni dei prodotti (gamma, prezzo e servizio) eideare nuovi modelli di business, grazie ad esempio all’integrazione tra canali fisico e online, utilizzando nuove tecnologie».

Fonte: Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

MAIN SPONSOR

  • BPer Banca
  • A&A
  • Camera di Commercio di Ferrara
  • 1
logo-futurpera-white

Futurpera Srl
Sede legale: via Bologna 534
44124 Ferrara (FE)
P.IVA/C.F: 01932780388
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Iscr. reg. Impr. Ferrara n. 01932780388
REA FE  211148 | Cap. Soc 50.000,00 euro
Soci: Organizzazione Interprofessionale Pera, Ferrara Fiere Congressi s.r.l.

Contatti

Segreteria organizzativa

Via della Fiera, 11 - Ferrara
MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
TEL. 0039 0532 900 713
MOB. 0039 348 89 86 396

Ufficio stampa e comunicazione
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio stampa e comunicazione estero
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Social Network