testata-frutteto-e-macro

Presentata la prima edizione di FuturPera

Sarà aperta a tutti gli operatori della filiera, dalla produzione al consumo e si terrà a Ferrara il 19-20-21 novembre 2015. Tra gli obiettivi il rilancio del comparto, la promozione sui mercati esteri, ricerca e innovazione

BOLOGNA – Ha un nome evocativo che guarda al futuro e all'innovazione del settore pericolo. E' stata presentata oggi (2 aprile ndr) nella sede della Regione Emilia-Romagna la prima edizione di FuturPera – Salone Internazionale della Pera che si terrà a Ferrara dal 19 al 21 novembre 2015. Ideata e organizzata dalla società Futurpera srl – partecipata da Organizzazione Interprofessionale Pera che racchiude 30 delle principali organizzazioni di produttori emiliano-romagnole e Ferrara Fiere – è una fiera "verticale", la prima totalmente dedicata alla filiera pericola, dalla produzione sostenibile, alla conservazione e commercializzazione del prodotto sui mercati esteri, fino al rilancio dei consumi del prodotto.

Presenti alla conferenza stampa:Simona Caselli, assessore all'Agricoltura della Regione Emilia – Romagna; Stefano Calderoni, presidente della società FuturPera; Gianni Amidei, presidente dell'Organizzazione Interprofessionale Pera; Filippo Parisini, presidente di Ferrara Fiere e Luciano Trentini presidente comitato scientifico FuturPera e vice presidente di Areflh, Assemblea delle Regioni Ortoflorofrutticole Europee.

Nel corso della presentazione Stefano Calderoni ha parlato della nuova e innovativa formulata pensata per FuturPera che sarà un evento "diffuso" e avrà due location privilegiate: i padiglioni di Ferrara Fiere che ospiteranno la sede espositiva, i prestigiosi convegni di settore e gli incontri B2B con i buyer internazionali che daranno all'evento una forte connotazione commerciale; la città di Ferrara che sarà lo splendido scenario di eventi enogastronomici e culturali, organizzati per coinvolgere il l'intero territorio. «Attraverso FuturPera - ha spiegato Calderoni - vogliamo rilanciare il comparto puntando sull'identità del prodotto e il suo valore aggiunto, sulla ricerca e soprattutto sulla sua commercializzazione verso nuovi mercati. Perché noi produciamo una gamma di pere ottima ma attualmente ne esportiamo solo il 20% e bisogna cambiare assolutamente questa tendenza».

Dello stesso avviso Gianni Amidei che ha parlato degli obiettivi dell'Organizzazione Interprofessionale nella valorizzazione del prodotto. «Nella zona della Pianura Padana – ha detto Amidei - che comprende le province di Bologna, Ferrara, Modena, Mantova, Ravenna e Rovigo sono coltivati circa 23.000 ettari a frutteto e prodotte l'80% delle pere italiane. Qui abbiamo un patrimonio fatto di varietà come l'Abate Fétel, regina delle pere ed eccellenza produttiva unica, e poi Conference, Decana del Comizio, Kaiser, Max Red Bartlett, Santa Maria, William, Carmen che l'Oi ha il dovere e l'intenzione di valorizzare, anche attraverso la ricerca sulla frigoconservazione che punti a immettere sul mercato un prodotto buono che si conserva più a lungo».
Uno dei punti di forza di FuturPera sarà il calendario di convegni, workshop e incontri tecnici. FuturPera ospiterà, infatti, l'edizione 2015 di Interpera, il più importante convegno mondiale dedicato alla pericoltura, giunto alla sua ottava edizione e organizzata da Areflh (Assemblea delle Regioni Ortofrutticole Europee). Nel corso della conferenza stampa Luciano Trentini, nella doppia veste di presidente del comitato scientifico e vicepresidente di Areflh ha spiegato le diverse tematiche che saranno trattate nel corso di Interpera e l'importanza di una ricerca che tenga conto dei gusti e delle esigenze del consumatore. «Nel corso di Interpera – ha spiegato Trentini – si parlerà di produzione in termini di innovazione e sostenibilità; di conservazione del prodotto e mantenimento della sua qualità, ma anche di confezionamento e  logistica. Una parte importante sarà dedicata a promozione su nuovi mercati, previsioni di produzione nel Sud Europa analisi degli stoccaggi nel nord Europa e andamento della campagna di commercializzazione. Abbiamo pensato, inoltre – ha concluso Trentini - a Futurpera come punto di incontro e scambio delle Organizzazioni Interprofessionali europee, per stabilire un confronto proficuo tra soggetti che hanno come obiettivo comune quello di valorizzare la filiera pericola.

In chiusura della conferenza stampa di presentazione di FuturPera l'assessore all'Agricoltura della Regione Emilia – Romagna Simona Caselli ha parlato della fiera come "buona notizia per la filiera pericola". L'assessore ha poi ribadito l'impegno della Regione nel sostenere l'evento e della necessità di aggregazione tra i produttori. «FuturPera – ha detto l'assessore – è un evento fieristico forte perché dedicato a un prodotto specifico che ha ottenuto l'IGP e ad un'unica filiera. Il supporto della Regione, del Ministero e la presenza di Areflh e Interpera conferiscono rilevanza a questa manifestazione che si presta a ragionamenti ambiziosi e proiettati al futuro. A Ferrara ci saranno operatori specializzati che daranno una forte impronta tecnica e legata al business e un importante momento dedicato alla ricerca. La pera è, infatti, un prodotto ottimo ma che è difficile conservare ed ecco perché bisogna lavorare sulla qualità e la conservazione. Infine – ha concluso la Caselli – non mi stancherò mai di ripetere che ci deve essere aggregazione a livello produttivo e di commercializzazione. Nei nuovi bandi del PSR che andremo a scrivere nel mese di maggio, saranno valorizzate le forme aggregate per ridurre la frammentazione produttiva della pera e dei prodotti agricoli.» FuturPera è promossa dalla società Futurpera srl – partecipata da Ferrara Fiere e Organizzazione Interprofessionale Pera – con il contributo della Camera di Commercio di Ferrara e il supporto e il patrocinio di: Ministero delle Politiche Agricole, Regione Emilia – Romagna, Provincia di Ferrara, Comune di Ferrara, Fondazione per l'Agricoltura Fll. Navarra, Centro Servizi Ortofrutticoli di Ferrara, e sponsor commerciali privati

logo-futurpera-white

Futurpera Srl
Sede legale: via Bologna 534
44124 Ferrara (FE)
P.IVA/C.F: 01932780388
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Iscr. reg. Impr. Ferrara n. 01932780388
REA FE  211148 | Cap. Soc 50.000,00 euro
Soci: Organizzazione Interprofessionale Pera, Ferrara Fiere Congressi s.r.l.

Contatti

Segreteria organizzativa

Via della Fiera, 11 - Ferrara
MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
TEL. 0039 0532 900 713
MOB. 0039 348 89 86 396

Ufficio stampa e comunicazione
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio stampa e comunicazione estero
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Social Network

 

Esposizione certificata